Mindful Eating per Bambini

Prevenire l’obesità infantile

“L’obesità è diventata uno dei maggiori problemi di sanità pubblica in Italia. In realtà negli ultimi anni si è assistito ad una diminuzione del tasso di obesità nei bambini segno che le politiche sanitarie messe in atto cominciano a dare i primi risultati; è quindi necessario concentrare maggiormente gli sforzi nella direzione della prevenzione e della promozione della consapevolezza sui corretti stili di vita.

Anche i genitori devono fare la loro parte: infatti, i dati ci dicono che circa il 40% delle madri di bambini in sovrappeso o obesi ritiene che il peso del proprio figlio sia nella norma”.

In particolare, l’indagine coordinata dall’ISS ha messo in luce la grande diffusione tra i bambini di abitudini alimentari errate “in Italia  l’8% dei bambini salta la prima colazione e il 33% fa una colazione comunque inadeguata, cioè sbilanciata in termini di carboidrati e proteine condizionando negativamente l’equilibrio calorico del resto dei pasti. Una tendenza negativa che si riflette anche sulle attitudini sportive e sulla sedentarietà dei bimbi italiani.

L’obesità infantile in Italia – dice l’Unicef – non è dovuta soltanto ad una cattiva alimentazione (eccesso di consumo di zuccheri e di grassi), ma anche ad uno stile di vita spesso troppo sedentario. Secondo gli ultimi dati Istat la quota dei bambini sedentari è molto alta nella fascia di età 3-5 anni (48,8%) diminuisce nelle fasce di età successive, ma inizia a risalire e a mantenersi alta a partire dalla fascia di età 18 – 19 anni (20,8%). Il Rapporto evidenzia che a livello internazionale, nei soggetti di età compresa tra i 9 e i 14 anni, il 7,1% dei maschi e il 13,4% delle femmine presenta un comportamento alimentare disturbato. I disturbi del comportamento alimentare si presentano con maggior frequenza nei paesi industrializzati e ad alto reddito.

Le potenziali conseguenze a breve e lungo termine dell’obesità infantile sono significative. I professionisti della salute hanno un ruolo fondamentale nell’ insegnare ai bambini e alle loro famiglie le abilità e le abitudini che supportano uno stile di vita sano e attivo, indipendentemente dalle loro di caratteristiche corporee.

In quest’ottica nasce il DISCOVER MINDFUL EATING for kids.

Discover Mindful eating for kids

Il programma offre alle famiglie e alle comunità un modo personalizzabile per implementare e sostenere un programma di alimentazione consapevole per bambini dai 3 ai 15 anni.

L’alimentazione consapevole favorisce un approccio sano con il cibo. Il programma Discover Mindful Eating for Kids consente ai bambini, senza creare sensi di colpa, vergogna o disprezzo di se stessi, di apprendere la consapevolezza e la capacità di esplorare le emozioni e i fattori esterni associati al cibo. Con la Mindful eating i bambini imparano a riconoscere il senso di fame e sazietà, i diversi tipi di fame che potrebbero provare e la capacità di affrontare la fame fisica con scelte alimentari adeguate. Questo approccio di responsabilizzazione all’educazione alimentare è un aspetto importante della formazione di Mindful Eating for Kids. Una sana relazione con il cibo è il fondamento di abitudini salutari che durano una vita!

Cosa è la Mindful Eating?

Mangiare consapevolmente significa prestare piena attenzione all’esperienza del mangiare e del bere: prestiamo attenzione ai colori, agli odori, alla consistenza, ai sapori, alla temperatura e persino ai suoni (crunch!) del nostro cibo. Prestiamo attenzione all’esperienza del nostro corpo. Dove sentiamo la fame? Dove proviamo soddisfazione? Cosa proviamo a metà pasto o alla fine?

Prestiamo attenzione anche alla nostra mente. Evitando il giudizio o le critiche, osserviamo quando la mente si distrae, allontanandosi dalla piena attenzione a ciò che stiamo mangiando o bevendo. Osserviamo gli impulsi che si presentano dopo aver bevuto qualche sorso o dopo qualche boccone (prendere un libro, accendere la TV, usare il cellulare o il computer). Notiamo l’impulso e torniamo a mangiare.

Notiamo come il cibo influisce sul nostro umore e su come le nostre emozioni, per es. l’ansia, influenzano il nostro modo di mangiare. Gradualmente ritroviamo il senso di naturalezza e libertà nell’approcciarci al cibo.

Le abitudini di non prestare attenzione mentre mangiamo non sono facili da cambiare. Il cambiamento duraturo richiede tempo. Iniziamo semplicemente.

(a cura di Silvia Grasso)

Se sei un operatore socio sanitario, psicologo, medico, pediatra, insegnante o genitore e vuoi apprendere come applicare la Mindful Eating con i bambini

scarica la locandina

http://www.mindfulmente.it/wp-content/uploads/2019/07/Locandina-Workshop-Mindful-Eating-TO-per-operatori-1.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *